Best Joomla Templates by User Reviews BlueHost
  • Associazione culturale multietnica Lakasbah
  • Associazione culturale multietnica Lakasbah
  • Associazione culturale multietnica Lakasbah
  • Associazione culturale multietnica Lakasbah

Warning: include(html/template.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.lakasbah.eu/home/templates/clever/index.php on line 101

Warning: include(html/template.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.lakasbah.eu/home/templates/clever/index.php on line 101

Warning: include(): Failed opening 'html/template.php' for inclusion (include_path='.:/php5.5/lib/php/') in /web/htdocs/www.lakasbah.eu/home/templates/clever/index.php on line 101

DOPO GLI ATTENTATI DI PARIGI

Categoria: News nazionali e internazionali Pubblicato Mercoledì, 18 Novembre 2015 Scritto da kasbah

DOPO GLI ATTACCHI DI PARIGI, I RIFUGIATI NON DEVONO DIVENTARE CAPRI ESPIATORI

L’UNHCR esprime shock ed orrore nei confronti degli attacchi di Parigi e dell’uccisione di così tante persone innocenti. L’Alto Commissario per i Rifugiati, António Guterres, ha espresso la sua solidarietà con il governo ed il popolo francese, così come ha fatto con il governo del Libano in seguito ai recenti attacchi mortali a Beirut.

La stragrande maggioranza di coloro che arrivano in Europa fugge da persecuzioni o dalle conseguenze dei conflitti che mettono in pericolo la loro vita, ed è incapace di raggiungere la salvezza attraverso vie legali. Anche le situazioni precarie nei paesi di prima accoglienza stanno spingendo molti a partire per l’Europa.

Molti fuggono dall’estremismo e dal terrorismo – proprio dalle stesse persone legate agli attacchi di Parigi.

L’UNHCR è profondamente preoccupato dalla notizia, non ancora confermata, che uno degli attentatori di Parigi potrebbe essere arrivato in Europa con il flusso attuale. L’Agenzia ONU per i rifugiati crede fortemente nell’importanza di preservare l’integrità del sistema d’asilo. L’asilo e il terrorismo non sono compatibili l’uno con l’altro. La Convenzione sui Rifugiati del 1951 è chiara su questo, infatti esclude dal suo ambito di applicazione le persone che hanno commesso crimini gravi.

Fin dall’inizio, abbiamo sollecitato i paesi a mettere in atto immediatamente dei meccanismi efficaci di accoglienza, identificazione e registrazione appena le persone arrivano. Ai rifugiati bisogna garantire protezione e i richiedenti asilo eleggibili devono poter accedere al piano UE di ricollocamento.

Il piano di ricollocamento e le altre misure concordate possono migliorare la gestione e la stabilizzazione degli attuali flussi di persone. Queste misure includono piani di sicurezza e l’appropriata registrazione di tutte le persone in fuga.

L’UNHCR esprime preoccupazione per la reazione di alcuni Stati che potrebbero porre fine ai programmi messi a punto, facendo marcia indietro sugli impegni presi per gestire la crisi dei rifugiati (i.e. il programma di ricollocamento), o proponendo di innalzare nuove barriere. L’UNHCR esprime profondo sconcerto per la retorica che demonizza i rifugiati come gruppo. Si tratta di qualcosa di molto pericoloso, in quanto contribuisce ad aumentare la xenofobia e la paura. I problemi di sicurezza che l’Europa sta affrontando oggi sono estremamente complessi. Non si possono trasformare i rifugiati in capri espiatori, e questi non possono diventare le vittime secondarie di tali tragici eventi.

Ciò evidenzia anche il bisogno urgente di espandere significativamente i canali legali, in particolare i programmi di ricollocamento e di ammissioni umanitarie, come alternative ai viaggi pericolosi e irregolari, stroncando nel frattempo il traffico di esseri umani.

Garantire la sicurezza delle nostre società e l’integrità dei programmi di asilo in Europa non sono obiettivi incompatibili. Questi sono centrali per mantenere i valori europei fondamentali e per proteggere il diritto a chiedere asilo.

Per ulteriori informazioni sull’argomento, contattare:

A Geneva, Melissa Fleming al +41 79 557 9122
A Geneva, Adrian Edwards al +41 79 557 9120
A Geneva, William Spindler al +41 79 217 3011

Per ulteriori informazioni:

Carlotta Sami - Cell +39 335 6794746; Fax +39 06 80212325

Ufficio stampa - 06 80212318/33
Twitter:
UNHCRItalia CarlottaSami

www.unhcr.it